Addio Tettamanzi


https://www.avvenire.it/chiesa/pagine/e-morto-il-cardinale-dionigi-tettamanzi

Annunci

“Gettare ogni giorno l’ancora in Dio”


Il testo dell’omelia del Santo Padre in Piazzale Kennedy durante la visita pastorale .

Qui il discorso  all’Ilva incontrando il mondo del lavoro

Qui il bellissimo discorso tenuto al clero in cattedrale

Qui il l’omelia per i giovani al Santuario della Madonna della Guardia

Qui il discorso tenuto presso l’ospedale Gaslini

Qui le nostre foto della giornata.

Grandissima emozione, sentire cosi tante persone unite in un solo credo, ed allora le parole:

“Dove sono due o tre riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro” (Mt 18,20)

hanno avuto il loro pieno significato.

Grazie Santità, per aver speso cosi tante energie ed entusiasmo per noi.

San Valentino e San Felice di Genova Vescovi


La sede episcopale di Genova è universalmente nota come “Cattedra di San Siro”, dal nome del terzo vescovo del capoluogo ligure, il cui culto ha superato per motivi a noi ignoti quello di altri pastori di tale città, espandendosi anche in altre zone dell’Italia settentrinale.
Il protovescovo di Genova fu invece un certo San Valentino, da non confondere assolutamente con l’omonimo patrono degli innamorati festeggiato al 14 febbraio, o comunque egli è il primo di cui sia stato tramandato il nome. Assai poche sono le notizie certe sul suo conto dal punto di vista storico. Visse nel IV secolo e svolse il suo ufficio pastorale con rara prudenza e grande carità, specialmente in favore degli orfani e delle vedove.
Il suo culto è sempre stato riservato ad un ambito ristrettamente locale, tanto da non essere mai stato citato dal Martyrologium Romanum. L’Arcidiocesi di Genova ha inserito nel calendario liturgico la sua commemorazione in data 6 novembre, unitamente ai santi Felice e Romolo, che furono rispettivamente il secondo ed il quarto vescovo della città.
Le spoglie mortali dei tre santi pastori ricevettero sepoltura nella basilica genovese dei dodici Apostoli, dedicata in seguito a San Siro, ma alcune loro insigni reliquie sono custodite ancora oggi anche nella cattedrale cittadina.

 

Oggi si festeggia il  predecessore,  di San Siro cioè San Felice, sulla cui vita sono state tramandate ben poche notizie certe dal punto di vista storico. Visse a cavallo tra il IV ed il V secolo ed fu ricordato in particolare per essere stato padre e maestro di San Siro.


Autore: Fabio Arduino

ecco l’elenco dei ns vescovi

San Valentino † (312 – 325)
San Felice † (325 – 345)
San Siro I † (345 – 375 o 380)
San Diogene † (menzionato nel 381)
San Romolo † (inizio del V secolo)
Pascasio † (menzionato nel 451)
Eusebio † (465)[senza fonte]
Sede vacante o retta da ignoti (465-568)
Sant’Onorato † (568 – 571 deceduto)
Frontone † (571 – 573)
San Lorenzo † (573 – 593)
Costanzo † (593 – 3 settembre 600 deceduto)
Deodato (o Deusdedit) † (15 settembre 601 – 30 ottobre 629 deceduto)
Asterio † (629 – 4 luglio 640 deceduto)
Forte † (641 – 641 dimesso)
San Giovanni Bono † (641 – 649 dimesso)
Giovanni I † (menzionato nel 679)
Viatore † (menzionato nel 732)
Giovanni II † (menzionato nel 752)
Dionisio † (menzionato nel 798)
Guglielmo † (menzionato nell’821)
Nazario † (prima del 845)
Massito (o Mansueto) † (845 – 860)
Sigeberto † (? – circa 864 deceduto)
Pietro † (864 – ?)
Sabbatino † (prima dell’876 – dopo l’877)
Ramperto † (menzionato nell’889)
Giovanni III † (menzionato nel 904)
Nicola † (menzionato nel 930)
Teodolfo I † (menzionato nel 945)
Lamberto II † (menzionato nel 968)
Teodolfo II † (menzionato nel 970)
Giovanni IV † (prima del 985 – circa 993 deceduto)
Landolfo I † (menzionato nel 993)
Giovanni V † (prima del 1001 – dopo il 1004)
Landolfo II † (prima del 1015 – dopo il 1026)
Corrado † (prima del 1036 – dopo il 1045)
Oberto Pevere † (prima del 1052 – dopo il 1074)
Corrado Manganello † (menzionato nel 1084)
Ciriaco † (menzionato nel 1090)
Ogerio † (1095 – 1098 deceduto)
Airaldo Guaracco † (1099 – 22 agosto 1116 deceduto)
Ottone I † (1117 – 1120 deceduto)
Sigifredo † (1123 – circa 1129 deceduto)
Siro II † (circa agosto 1130 – 30 settembre 1163 deceduto)
Ugone Della Volta † (1º ottobre 1163 – 12 giugno 1188 deceduto)
Bonifacio † (13 giugno 1188 – 22 settembre 1203 deceduto)
Ottone Ghiglini † (18 novembre 1203 – 30 ottobre 1239 deceduto)
Giovanni de’ Rossi † (novembre 1239 – 1253 deceduto)
Gualtiero da Vezzano † (23 aprile 1253 – 26 settembre 1274 deceduto)
Bernardo de’ Arimondi † (prima del 6 settembre 1276 – 1286 deceduto)
Opizzino Fieschi † (4 giugno 1288 – 1292 dimesso) (amministratore apostolico)
Beato Jacopo da Varazze (Jacopo da Varagine), O.P. † (13 aprile 1292 – luglio 1298 deceduto)
Porchetto Spinola, O.F.M. † (3 febbraio 1299 – 30 maggio 1321 deceduto)
Bartolomeo de’ Maroni † (18 luglio 1321 – 13 dicembre 1335 deceduto)
Dino di Radicofani † (27 gennaio 1337 – 7 ottobre 1342 nominato arcivescovo di Pisa)
Giacomo Peloso da Santa Vittoria, C.R.S.A. † (27 novembre 1342 – 1349 deceduto)
Bertrando Bessaduri † (2 settembre 1349 – 1358 deceduto)
Guido Scetten † (2 luglio 1358 – 1368 deceduto)
Andrea della Torre, O.P. † (28 febbraio 1368 – 1377 deceduto)
Lanfranco Sacco, O.S.B. † (4 dicembre 1377 – circa 1382 deceduto)
Giacomo III Fieschi † (1382 – 24 novembre 1400 deceduto)
Pileo de’ Marini † (30 novembre 1400 – ? deceduto)
Pietro de Giorgi † (4 novembre 1429 – 1436 deceduto)
Giorgio Fieschi † (3 ottobre 1436 – 18 dicembre 1439 dimesso)
Giacomo Imperiale, O.S.B. † (23 dicembre 1439 – 1452 deceduto)
Paolo Fregoso † (7 febbraio 1453 – 13 febbraio 1495 dimesso)
Giorgio Costa † (13 febbraio 1495 – 29 luglio 1496 dimesso)
Paolo Fregoso † (29 luglio 1496 – 22 marzo 1498 deceduto)
Giovanni Maria Sforza † (25 marzo 1498 – 1520)[4]
Innocenzo Cybo † (11 marzo 1520 – 13 aprile 1550 deceduto)
Gerolamo Sauli † (18 aprile 1550 – 1559 deceduto)
Agostino Maria Salvago, O.P. † (17 aprile 1559 – 30 settembre 1567 deceduto)
Cipriano Pallavicino † (14 novembre 1567 – 1586 deceduto)
Antonio Maria Sauli † (1586 succeduto – 9 agosto 1591 dimesso)
Alessandro Centurione † (9 agosto 1591 – 1596 dimesso)
Matteo Rivarola, O.S.B. † (29 aprile 1596 – 1600 deceduto)
Orazio Spinola † (20 dicembre 1600 – 24 giugno 1616 deceduto)[5]
Domenico de’ Marini † (18 luglio 1616 – febbraio 1635 deceduto)
Stefano Durazzo † (5 marzo 1635 – ottobre 1664 dimesso)
Giambattista Spinola il vecchio † (10 novembre 1664 – 16 marzo 1681 dimesso)
Giulio Vincenzo Gentile, O.P. † (17 marzo 1681 – giugno o luglio 1694 deceduto)
Giambattista Spinola il giovane † (13 settembre 1694 – 7 gennaio 1705 dimesso)
Lorenzo Maria Fieschi † (18 maggio 1705 – 1º maggio 1726 deceduto)
Nicolò Maria de’ Franchi, O.P. † (1º luglio 1726 – 20 febbraio 1746 deceduto)
Giuseppe Maria Saporiti † (20 febbraio 1746 succeduto – 14 aprile 1767 deceduto)
Giovanni Lercari † (10 luglio 1767 – 18 marzo 1802 deceduto)
Giuseppe Maria Spina † (24 maggio 1802 – 13 dicembre 1816 dimesso)
Sede vacante (1816-1819)
Luigi Emmanuele Nicolò Lambruschini, B. † (27 settembre 1819 – 26 giugno 1830 dimesso)
Giuseppe Vincenzo Airenti, O.P. † (5 luglio 1830 – 3 settembre 1831 deceduto)
Placido Maria Tadini, O.C.D. † (2 luglio 1832 – 22 novembre 1847 deceduto)
Sede vacante (1847-1853)
Andrea Charvaz † (27 settembre 1852 – 7 agosto 1869 dimesso)
Sede vacante (1869-1871)
Salvatore Magnasco † (27 ottobre 1871 – 12 gennaio 1892 deceduto)
Beato Tommaso Reggio † (11 luglio 1892 – 22 novembre 1901 deceduto)
Edoardo Pulciano † (16 dicembre 1901 – 25 dicembre 1911 deceduto)
Andrea Caron † (29 aprile 1912 – 22 gennaio 1915 dimesso)
Ludovico Gavotti † (22 gennaio 1915 – 23 dicembre 1918 deceduto)
Tommaso Pio Boggiani, O.P. † (10 marzo 1919 – 1921 dimesso)
Giosuè Signori † (21 novembre 1921 – 25 novembre 1923 deceduto)
Francesco Sidoli † (24 marzo 1924 – 18 dicembre 1924 deceduto)
Carlo Dalmazio Minoretti † (16 gennaio 1925 – 13 marzo 1938 deceduto)
Pietro Boetto, S.J. † (17 marzo 1938 – 31 gennaio 1946 deceduto)
Giuseppe Siri † (14 maggio 1946 – 6 luglio 1987 ritirato)
Giovanni Canestri (6 luglio 1987 – 20 aprile 1995 ritirato)
Dionigi Tettamanzi (20 aprile 1995 – 11 luglio 2002 nominato arcivescovo di Milano)
Tarcisio Bertone S.D.B. (10 dicembre 2002 – 29 agosto 2006 nominato Segretario di Stato)
Angelo Bagnasco, dal 29 agosto 2006

A Genova la Madonna di Fatima


Domenica 13 ottobre il Santo Padre consacrerà il mondo al Cuore Immacolato di Maria. Per l’occasione sarà portata in piazza San Pietro la statua originale di Fatima.

05/10/2013 – 17/10/2013CTVVirgenFatima2C1

Genova accoglie la statua della Madonna di Fatima. La statua atterra in elicottero a Bavari sabato 5 ottobre alle ore 10,00. La Venerata Immagine parte da Genova venerdì 18 ottobre dopo aver visitato alcune Parrocchie dei Vicariati di San Martino – Valle Sturla e Medio – Alto Bisagno.

Questo il programma completo della Peregrinatio Mariae

Sabato 5 ottobre – 1° Sabato del mese – Parrocchia S. Giorgio di Bavari
10.00: Arrivo in elicottero della statua della Madonna di Fatima nel campo sportivo F. Taviani e processione fino alla Chiesa Parrocchiale “S. Giorgio” di Bavari; 10.30: S. Messa solenne concelebrata dai sacerdoti dei Vicariati S. Martino-Valle Sturla e Medio-Alto Bisagno; 15.00: la Madonna incontra gli adolescenti di Bavari; 15.30: la Madonna incontra i bambini di Bavari; 17.30: S. Rosario; 18.00: S. Messa; 21.00: Veglia di preghiera animata dai giovani di Bavari.

Domenica 6 ottobre – Parrocchia S. Giorgio di Bavari
08.00: Lodi mattutine; 09.00: S. Messa; 10.30: S. Rosario; 11.00: S. Messa; 12.00: Recita della Supplica alla Madonna del S. Rosario; 17.15: S. Rosario meditato; 18.00: S. Messa per tutti i defunti; 21.00 – 22.00: Adorazione e benedizione eucaristica “con Maria”.

Lunedì 7 ottobre – (B. Maria Vergine del S. Rosario) – Parrocchia San Martino d’Albaro
8.00:
 Arrivo della Madonna e Saluto; 8.30: S. Rosario; 9.00: S. Messa; 11.15: S. Rosario meditato; 12.00: Angelus;16.45: La Madonna incontra i bambini e gli adolescenti, affidamento del nuovo Anno Scolastico alla Madonna; 17.30:S. Rosario; 18.00: S. Messa; 21.00: S. Messa per tutti i defunti.

Martedì 8 ottobre – Parrocchia San Martino d’Albaro
7.40:
 Apertura Chiesa e visita dei ragazzi delle scuole; 09.00: S. Messa; 09.40: Visita dei ragazzi delle scuole; 11.30:S. Rosario; 12.00: Angelus; 15.30 – 16.30: Adorazione e benedizione eucaristica “con Maria”; 17.15: S. Rosario meditato; 18.00: S. Messa; 21.00: S. Messa per le famiglie. Atto di consacrazione al Cuore Immacolato di Maria;22.00: Saluto alla Madonna e partenza per Bavari.

Mercoledì 9 ottobre – Santuario N. S. della Guardia di Bavari
08.00: Lodi mattutine; 08.30: S. Messa; 09.30: Visita dei bambini della scuola; 11.30: S. Rosario; 12.00: Angelus;15.30: S. Messa per tutti gli ammalati con la presenza delle associazioni cittadine di volontariato (OFTAL, UNITALSI, …), seguirà un momento di fraternità sul piazzale del Santuario; 17.30: S. Rosario meditato; 20.30: Processione per le vie della Parrocchia con la statua della Madonna di Fatima, guidata dal Card. Angelo Bagnasco, con la partecipazione delle Associazioni Cattoliche e di Volontariato di Bavari; 21.15: S. Messa Pontificale presieduta dal Card. Angelo Bagnasco, al termine: Atto di Consacrazione di Bavari al Cuore Immacolato di Maria.

Giovedì 10 ottobre – Parrocchia della Risurrezione di Borgoratti
9.00: Arrivo della Madonna e Saluto; 10.00: S. Rosario; 10.30: S. Messa; 12.00: Angelus; 15.30 – 16.30: Adorazione e benedizione eucaristica “con Maria”; 17.00: La Madonna incontra i ragazzi del catechismo; 17.30: S. Rosario;18.00: S. Messa (Triduo in onore della Madonna di Fatima); 21.00: S. Rosario meditato.

Venerdì 11 ottobre – (Giornata della Riconciliazione) – Parrocchia della Risurrezione di Borgoratti
7.40: “Due minuti per te, o Signore”: i bambini delle scuole fanno visita alla Madonna; 8.30: Lodi mattutine e S. Messa, spazio per le Confessioni; 11.30: S. Rosario; 12.00: Angelus; 15.30 – 16.30: Adorazione e benedizione eucaristica “con Maria”; 17.30: S. Rosario; 18.00: S. Messa (Triduo in onore della Madonna di Fatima); 21.00: Liturgia penitenziale (Confessioni).

Sabato 12 ottobre – Parrocchia della Risurrezione di Borgoratti
7.40: Apertura Chiesa; 8.00: S. Rosario; 8.45: Saluto alla Madonna e partenza per la Cattedrale San Lorenzo (arrivo per le ore 10.00).

Sabato 12 ottobre – dalle 10.00 alle 22.00 la Madonna sosta in Cattedrale col seguente programma:
10.00: Accoglienza in piazza S. Lorenzo. Ingresso in Cattedrale e Saluto alla Madonna; 11.00: S. Messa; 12.00:Recita dell’Angelus; 16.00 – 17.00: Adorazione Eucaristica; 18.00: S. Messa; 19.00: S. Rosario meditato, alla presenza del Cardinale Arcivescovo, in sintonia con la giornata mariana indetta da Papa Francesco. Riflessione del Card. Bagnasco. Al termine: Atto di Consacrazione della città di Genova al Cuore Immacolato di Maria; 22.00: Saluto alla Madonna e congedo (la statua di Maria torna a Bavari).

Domenica 13 ottobre – (Anniversario VI apparizione di Fatima) – Santuario N. S. della Guardia di Bavari
8.00: Lodi mattutine; 9.00: S. Messa; 11.00: S. Messa; 12.00: Angelus e S. Rosario; 16.00 – 17.00: Adorazione e benedizione eucaristica “con Maria”; 17.45: S. Rosario meditato; 18.30: S. Messa solenne presieduta da Mons. Marco Doldi, Vicario Generale dell’Arcidiocesi di Genova e concelebrata dai Parroci dei Vicariati di S. Martino-Valle Sturla e del Medio-Alto Bisagno. Al termine della S. Messa Atto Solenne di Consacrazione dei Vicariati al Cuore Immacolato di Maria;20.30: Saluto alla Madonna e partenza per la Parrocchia SS. Cosma e Damiano di Prato (arrivo previsto per le 21.00) e inizio della “Peregrinatio Mariae” nelle parrocchie del Vicariato del Medio-Alto Bisagno (dove si trattiene fino a giovedì 17 ottobre).
Durante tutta la “Peregrinatio Mariae”: le chiese sono aperte ininterrottamente e tutto il giorno è presente almeno un sacerdote per le confessioni.

Domenica 13 ottobre 18,30: Nel Santuario di N.S. della Guardia di Bavari, S. Messa Solenne celebrata da Mons. Marco Doldi e concelebrata dai Parroci. Al termine Atto di Consacrazione al Cuore Immacolato di Maria dei Vicariati di S.Martino- Valle Sturla e del Medio Alto – Bisagno.

A Prato – Parrocchia dei SS. Cosma e Damiano
21,00: Accoglienza della Madonna nella Parrocchia dei SS. Cosma e Damiano a Prato; Veglia di preghiera: S. Rosario meditato

Lunedì 14 ottobre – A Prato – Parrocchia dei SS. Cosma e Damiano
7.00: Apertura della Chiesa; 10,30: S. Messa con i malati della Parrocchia; 19,00: S. Messa; 20.30: Saluto alla Madonna.

Pino – Parrocchia di San Pietro
21,00: Accoglienza della Madonna nella Parrocchia di San Pietro di Pino; 21,15: S. Rosario meditato; 23,00: Chiusura della Chiesa.

Martedì 15 ottobre – A Scoffera – Santuario di Nostra Signora della Guardia
Potrà essere venerata dalle 10,00 alle 12,00 e dalle 15,00 alle 18,00
10,00: Accoglienza della Madonna nel Santuario di N. S. della Guardia di Scoffera; 10,00: S. Rosario; 16,30: S. Rosario; 18,00: S. Messa; 19.00: Chiusura della Chiesa.

A Bargagli – Chiesa Parrocchiale di N.S. Assunta
21,00: Accoglienza a Bargagli nella Chiesa Parrocchiale di N.S. Assunta; 21,30: S. Messa; 22,30: S. Rosario meditato, Adorazione eucaristica fino alla 1,00.

Mercoledi 16 ottobre – A Bargagli – Chiesa Parrocchiale di N.S. Assunta
6.30 e 9.00: SS. Messe; 10.00 – 12.00: Adorazione eucaristica; 12.00: Angelus e S. Rosario; 12.30 – 15.00:Adorazione eucaristica.

A Molassana – Chiesa Parrocchiale di N.S. Assunta
16,00: Accoglienza nella Parrocchia N.S. Assunta di Molassana; 18,00: S. Messa; 21,00: Catechesi sul messaggio di Fatima; 22.00: Chiusura della Chiesa.

Giovedì 17 ottobre – Struppa – Chiesa dell’Istituto Doria
8,30: Accoglienza della Madonna nella Chiesa dell’Istituto Doria di Struppa. La chiesa rimarrà aperta tutto il giorno fino alle 19.00; 10,30: S. Rosario: gli ammalati invocano la Madonna di Fatima; 15,00: S. Rosario; 17,15: I bambini del catechismo incontrano la Madonna; 17,30: Catechesi sul messaggio di Fatima; 18,00: S. Messa; 19.00: Chiusura della Chiesa.

Struppa – Chiesa Parrocchiale di San Siro
20,45: Accoglienza della Madonna nella Parrocchia di San Siro di Struppa; 21.00: Veglia di preghiera – S. Rosario meditato; 23,00: Chiusura della Chiesa.

Durante tutta la “Peregrinatio Mariae”, in tutte le Chiese, sarà presente almeno un sacerdote per le confessioni.